Un mese di Borsa: online il numero di settembre - BNP Paribas Italia
BNP Paribas Italia Notizie & Comunicati Stampa
News and press
settembre 8, 2017 -

Un mese di Borsa: online il numero di settembre

Inoltra ad un amicoInoltra ad un amico StampaStampa

cover settembre 2017Un Mese di Borsa è il magazine di BNP Paribas – BNL che contiene approfondimenti sui mercati, accurate analisi dei sottostanti, interviste esclusive a economisti.

Vuoi ricevere Un Mese di Borsa nella tua casella email? Clicca sull’immagine di copertina per iscriverti, è gratis!

 

Un Mese di Borsa settembre 2017

Orizzonte Europa, la nuova sede BNL
Un investimento da 300 milioni di euro per “Orizzonte Europa”. Questo il nome della nuova sede della direzione generale di BNL a Roma che ospiterà gli oltre 3.400 dipendenti della capitale, riunendoli per la prima volta in un unico edificio. Un progetto importante per la banca che ha deciso di investire in piena recessione, ma anche un’operazione che assume una valenza simbolica per l’intero Paese, come ha sottolineato il presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni, nel corso dell’inaugurazione avvenuta a Roma lo scorso 13 luglio. “Un progetto importante per la banca, per Roma Capitale, e importante anche per la nostra economia e per il rilancio dell’Europa”, ha dichiarato il premier Gentiloni.

Auto, la rivoluzione elettrica mette una marcia in più
Svolta green in arrivo per il settore auto. Le vetture elettriche rappresentano ancora una piccola fetta del mercato (circa l’1%), ma una vera e propria invasione di auto elettriche è attesa nei prossimi anni. Il Dieselgate ha solo accelerato una tendenza già avviata con le nuove tecnologie che permettono alle auto 100% elettriche di vantare una crescente autonomia in termini di chilometri. La svolta eco è sostenuta anche da diversi governi: in pole position l’Olanda che ha fissato nel 2025 lo stop alle vendite di auto diesel e benzina. Più in là nel tempo invece il target di due potenze quali Francia e Gran Bretagna che quasi all’unisono hanno annunciato piani volti a combattere l’inquinamento con divieto per le auto diesel/benzina dal 2040. Londra inoltre ha previsto investimenti di oltre 800 milioni di sterline (circa 1 miliardo di dollari) in tecnologie senza guidatore e zero emissioni. Secondo uno studio condotto da Bloomberg New Energy Finance, bisognerà comunque attendere il 2025-2029 (a seconda del segmento) perché una vettura elettrica risulti economicamente vantaggiosa rispetto ai modelli a benzina in scia al calo dei costi delle batterie. La vera consacrazione è, tuttavia, attesa nel 2040 quando le immatricolazioni di auto elettriche sono stimate pari al 54% del totale con Europa (68%) e Usa (59%) a fare da traino.

Champions League da sogno, Parigi vuole lo scettro d’Europa
Si riparte il 12 settembre e ci sono tutte le premesse per una Champions League stellare. L’affare Neymar, passato dal Barcellona al PSG per la cifra strabiliante di 222 milioni di euro, renderà ancora più incandescente la stagione 2017-2018 del più ricco evento sportivo al mondo. Ormai i top team europei sono dei colossi economici con valutazioni da capogiro, in media 1,48 miliardi di dollari per le 20 migliori con picchi a 3,69 miliardi per il Manchester United (dati Forbes), seguito a ruota da Barcellona (3,64 mld) e Real Madrid (3,58 mld). Superpotenze i cui bilanci stanno lievitando di anno in anno grazie ai crescenti ricavi da sponsorizzazioni e diritti tv.  Quest’anno in Champions League spicca proprio il ritorno del Manchester United che cercherà insieme a Psg, Juventus e alle altre inglesi di interrompere l’egemonia spagnola degli ultimi quattro anni (tre volte il Real Madrid e una il Barcellona). La sola Juventus per due volte è riuscita a insinuarsi in finale senza riuscire però ad alzare la coppa dalle grandi orecchie. Per i bianconeri la piccola consolazione di essere il club con maggiori introiti da Champions nell’ultimo quinquennio.

Approfondisci gli articoli che ti interessano su Un mese di Borsa settembre 2017