BNL Focus: L’Africa è destinata a diventare un nuovo polo trainante dell’economia mondiale - BNP Paribas Italia
BNP Paribas Italia Notizie & Comunicati Stampa
ottobre 29, 2018 -

BNL Focus: L’Africa è destinata a diventare un nuovo polo trainante dell’economia mondiale

Inoltra ad un amicoInoltra ad un amico StampaStampa

E’ online l’ultimo numero di BNL Focus il settimanale del Servizio Studi BNL Gruppo BNP Paribas, diretto da Giovanni Ajassa, che fa il punto sulla congiuntura economica in Italia e all’estero.
 BNL Focus approfondisce i grandi temi dell’economia italiana: le imprese, il “Made in Italy”, la competitività del paese, le famiglie, i consumi, il mercato immobiliare, le banche e il risparmio. Il Focus del Servizio Studi BNL è la finestra aperta sull’Italia e sul mondo dal network globale della ricerca economica del Gruppo BNP Paribas.

 

BNL Focus – 29 ottobre 2018

 

L’Africa si sta lentamente mettendo in moto
L’Africa è destinata a diventare un nuovo polo trainante dell’economia mondiale. All’attuale modesto rilievo economico e allo spessore degli ostacoli che si frappongono al decollo di un solido processo di sviluppo il continente africano può contrapporre prospettive decisamente favorevoli. Dal 2000 al 2017 i paesi dell’Africa Sub-Sahariana sono cresciuti ad un ritmo medio annuo del 5%, un risultato positivo ma appena due terzi di quello conseguito dai paesi emergenti dell’Asia (7,7%) L’apporto dell’industria manifatturiera alla dinamica economica è ancora molto modesto: negli ultimi cinquanta anni il suo contributo alla formazione del Pil è cambiato assai poco, muovendosi nell’intervallo 9-13% e attestandosi all’11% nel 2016. A penalizzare l’ipotesi di un rapido sviluppo industriale è soprattutto la debolezza delle sollecitazioni provenienti dalla domanda interna ed estera.
Negli ultimi 20 anni l’interscambio complessivo tra Cina e paesi africani è cresciuto di quasi 40 volte. La crescita della presenza cinese sottrae spazio alle altre potenze economiche mondiali. Rispetto al 2006 le esportazioni europee risultano sostanzialmente ferme (-5%) mentre quelle americane sono diminuite di 2/3.

BNL Focus del 29 ottobre 2018