BNP Paribas Italia Notizie & Comunicati Stampa
aprile 11, 2013 - ,

“Un Mese di Borsa” il Magazine di BNP Paribas: online il numero di aprile

Inoltra ad un amicoInoltra ad un amico StampaStampa

Un Mese di Borsa è il magazine di BNP Paribas – BNL  che contiene approfondimenti sui mercati, accurate analisi dei sottostanti, interviste esclusive ad economisti.


Mese di Borsa –  Aprile 2013

Nessuna frenata per le vendite di Daimler
Scalzare la concorrenza e conquistare entro il 2020 la leadership nel segmento premium, quello delle dotazioni di lusso, delle motorizzazioni superiori e dell’innovazione tecnologica. Per raggiungere questo obiettivo Daimler ha lanciato un’agguerrita offensiva sul fronte dei prodotti. Solo quest’anno verranno lanciati 13 nuovi modelli.
Nonostante la debolezza del mercato dell’auto europeo Daimler ha messo a segno nuovi record in termini di fatturato e volumi di vendite nel 2012: 114,3 miliardi di euro il giro d’affari (+7% sul 2011) e 6,5 miliardi i profitti netti (6 miliardi nel 2011). Conti sostenuti da un incremento delle vendite di veicoli pari al 4% a quota 2,2 milioni di unità. Questo dato comprende tutte le divisioni del gruppo: Mercedes-Benz auto e veicoli commerciali; il brand Smart; e il segmento autobus e mezzi pesanti di Daimler.


Mercati Emergenti: la crescita è ancora qui

I Mercati Emergenti non hanno intenzione di rallentare la corsa e, dopo un decennio di crescita sostenuta, sono entrati in una fase nuova del loro sviluppo. Una fase in cui sono cambiati sia la percezione nei loro confronti dei Paesi cosiddetti “sviluppati”, che ormai li vedono come un’opportunità e non più come un rischio, sia il motore interno della crescita, visto che la domanda domestica sta diventando sempre più fondamentale a discapito degli investimenti.
E’ questa la tesi di Giordano Beani, Direttore Investimenti di BNP Paribas Investment Partners Sgr, che pone l’accento sullo sviluppo futuro degli Emergenti che nei prossimi dieci anni contribuiranno per i 2/3 della crescita globale. Secondo una ricerca di BNP Paribas IP Sgr a trainare il Pil mondiale saranno ancora una volta Cina e India, rispettivamente per il 34 e l’11,94 per cento. Cambierà anche la geografia dei “grandi del mondo” tanto che gli esperti di Standard Chartered prevedono che nel 2030 faranno parte del G7 ben 4 Paesi emergenti: Cina, India, Brasile e Indonesia. Una svolta radicale che vedrà l’uscita dal Gruppo dei Sette di membri storici come Gran Bretagna, Francia e Italia.


Tata Motors accelera sui mercati emergenti

La principale casa automobilistica indiana, famosa per produrre l’utilitaria più economica al mondo, sta progettando il lancio di nuovi modelli nel comparto di alta-gamma, rappresentato dai marchi britannici Jaguar e Land Rover, acquistati nel 2008. Tra le novità che il gruppo sta per lanciare anche un nuovo modello di mini-Suv destinato ai mercati emergenti.
Seppur ampliando il mix di prodotti, che comprende anche veicoli commerciali e bus, la società non abbandona il suo punto di forza, rappresentato dal basso costo delle sue vetture. Il 2013 infatti vedrà l’arrivo della nuova Tata Nano, la mini auto che costa solo 2.500 dollari. Lanciata nel 2008, è diventata il simbolo del gruppo spopolando sul mercato indiano, ma non solo. Rimane infatti sostenuta la domanda dei modelli più economici, che possono raccogliere bacini di popolazione più ampi nei mercati emergenti. Nel solo mese di febbraio le immatricolazioni del gruppo sono salite del 10%, con il modello low cost Evoque di Land Rover che ha raggiunto nuovi traguardi di vendita.


Un mese di Borsa – Aprile 2013

Scarica il pdf del Magazine