BNL Gruppo BNP Paribas collabora con la Fondazione Carit per la mostra sulla Belle Époque e sui Macchiaoli - BNP Paribas Italia
BNP Paribas Italia Notizie & Comunicati Stampa
aprile 23, 2018 -

BNL Gruppo BNP Paribas collabora con la Fondazione Carit per la mostra sulla Belle Époque e sui Macchiaoli

Inoltra ad un amicoInoltra ad un amico StampaStampa

È la volta di una mostra sulla Belle Époque e sui Macchiaoli la nuova occasione di collaborazione tra BNL Gruppo BNP Paribas e la Fondazione Carit di Terni.

La mostra dal titolo “Tra Macchiaioli e Belle Époque. Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Giovanni Boldini” è stata allestita a Terni presso il Palazzo Montani Leoni sede della Fondazione Carit.

L’esposizione è dedicata ai maggiori rappresentanti della corrente dei Macchiaioli e della Belle Époque in un’Italia che nella seconda metà dell’ottocento, viveva i primi fermenti ideologici del Risorgimento. L’esposizione, curata e organizzata per la Fondazione Carit da Ulrico Dragoni, Anna Ciccarelli e Luigi Carlini, raccoglie 25 capolavori provenienti dalle collezioni d’arte di Fondazioni bancarie, istituti di credito e musei civici di tutta Italia.

BNL partecipa al progetto con un importante contributo che fa riferimento proprio ai maggiori esponenti di questa corrente artistica: cinque splendidi disegni a tecnica mista di Giovanni Fattori (a sinistra), Ritratto di vecchia, Ritratto maschile, Profilo di uomo con barba, Ritratto maschile con cappello, Ritratto maschile di profilo con occhiali e un dipinto ad olio di Telemaco Signorini intitolato Sottoportico a Venezia (Interno di un cortile a Venezia) realizzato dall’artista tra il 1856-1858 (in alto a sinistra).

Il sodalizio artistico tra BNL e la Fondazione Carit è iniziato nel 2015 con il prestito de La Cascata delle Marmore di Camille Corot per la mostra Il fascino eterno della Cascata e la concessione del Capriccio Architettonico con architetture classiche e rinascimentali del Canaletto nel 2017 per la mostra Incanto di luce e colori Canaletto e i Guardi.

La mostra sarà aperta al pubblico gratuitamente fino al 17 giugno ogni venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 20.