BNL Focus: L’immobiliare in un mondo che rallenta - BNP Paribas Italia
BNP Paribas Italia Notizie & Comunicati Stampa
settembre 16, 2019 -

BNL Focus: L’immobiliare in un mondo che rallenta

Inoltra ad un amicoInoltra ad un amico StampaStampa

E’ online l’ultimo numero di BNL Focus il settimanale del Servizio Studi BNL Gruppo BNP Paribas, diretto da Giovanni Ajassa, che fa il punto sulla congiuntura economica in Italia e all’estero.
 BNL Focus approfondisce i grandi temi dell’economia italiana: le imprese, il “Made in Italy”, la competitività del paese, le famiglie, i consumi, il mercato immobiliare, le banche e il risparmio. Il Focus del Servizio Studi BNL è la finestra aperta sull’Italia e sul mondo dal network globale della ricerca economica del Gruppo BNP Paribas.
 

BNL Focus del 13 settembre 2019

 

L’immobiliare in un mondo che rallenta
Il comparto immobiliare comincia a mostrare lievi segnali di difficoltà. Negli Stati Uniti il ritmo di crescita dei prezzi delle abitazioni, da tempo superiore a quello dei salari, sta provocando importanti conseguenze demografiche e sociali soprattutto in alcune delle principali città. Si assiste in particolare a fenomeni migratori interni lungo rotte diverse dal passato. Nulla sembra per ora poter rallentare il mercato immobiliare cinese, dove a luglio si è registrato il 46esimo mese consecutivo di crescita. Le politiche tese a favorire gli affitti non sembrano aver ridotto l’appeal dell’abitazione di proprietà nel paese.

Primi timidi segnali di rallentamento si osservano nell’area euro. Nel I trimestre del 2019 i prezzi sono cresciuti del 4% a/a, ma la variazione congiunturale è risultata dello 0,3%, la metà di quella registrata nel trimestre precedente e meno di un quinto di quella di inizio 2018. L’attenzione è concentrata soprattutto sul mercato tedesco, dove nel primo trimestre 2019, per la prima volta da marzo 2013, le quotazioni sono scesa su base congiunturale. Si tratta dell’unica flessione registrata nell’area ad eccezione di quella dell’Italia.

Nel nostro paese nel I trimestre del 2019 i prezzi sono risultati in calo dello 0,8%. Rispetto al 2010 le quotazioni hanno accumulato una flessione di circa il 17,2%. Dal lato delle transazioni, al contrario, il mercato continua a mostrare un andamento positivo. Per i prossimi mesi alcune analisi qualitative prevedono una fase stagnante.

Scarica il Focus del 13 settembre 2019