BNP Paribas inserita nell’indice 2019 Dow Jones Sustainability World and Europe - BNP Paribas Italia
BNP Paribas Italia Notizie & Comunicati Stampa
settembre 23, 2019 -

BNP Paribas inserita nell’indice 2019 Dow Jones Sustainability World and Europe

Inoltra ad un amicoInoltra ad un amico StampaStampa

BNP Paribas è la prima banca francese ad essere entrata nella classifica 2019 di RobecoSAM, società d’investimento internazionale con un focus specifico sugli investimenti per la sostenibilità.

Con un punteggio complessivo di 79/100, BNP Paribas mantiene la sua posizione di leader nella classifica annuale di RobecoSAM (top 10%) mentre la media del settore “Banche” è diminuita (-8 punti).

Grazie a questa performance BNP Paribas è stata inserita negli indici Dow Jones Sustainability World and Europe. Si tratta di indici creati congiuntamente da S&P Dow Jones Indices e RobecoSAM nel 1999 e che hanno come particolarità quella di selezionare, tra un totale di 4.700 aziende valutate, il 10% delle aziende più sostenibili per settore industriale, in base alle loro prestazioni secondo la valutazione extra-finanziaria annuale di RobecoSAM.

BNP Paribas conferma le sue eccellenti prestazioni posizionandosi come prima banca francese e quarta banca europea su un totale di 248 aziende dello stesso settore. Quest’anno, i maggiori progressi del Gruppo interessano i seguenti campi: “Codice di condotta aziendale” (conformità, etica aziendale) e “Policy Influence” (pratiche di lobbying responsabile), che hanno registrato rispettivamente un aumento di 20 punti, e “Strategia climatica” (gestione dei rischi legati al clima) con un aumento di 12 punti.

D’altro canto, con punteggi pari a 100/100, BNP Paribas si distingue in particolare in campo ambientale (“Strategia climatica” e “Report ambientali”), sociale (“Cittadinanza aziendale e filantropia”, “Inclusione finanziaria” e “Report sociali”) ed economico (“Materialità”).
Infine, il Gruppo si è distinto nelle due nuove sezioni aggiunte da RobecoSAM al questionario 2019, ovvero la Protezione dei dati personali (80/100 contro una media di 48/100 per le banche) e i rischi e le opportunità ESG (Ambientale, Sociale e Governance) inclusi nelle sue attività di finanziamento e investimento (87/100 vs. 27/100).