BNP Paribas Italia Notizie & Comunicati Stampa
gennaio 7, 2020 -

Un Mese di Borsa: Più aperta, sostenibile e digitale. Ecco come si è trasformata la famiglia in Italia negli ultimi 30 anni

Inoltra ad un amicoInoltra ad un amico StampaStampa

Un Mese di Borsa è il magazine di BNP Paribas – BNL che contiene approfondimenti sui mercati, accurate analisi dei sottostanti, interviste esclusive a economisti.

 

Un Mese di Borsa gennaio 2020

 

Più aperta, sostenibile e digitale. Ecco come si è trasformata la famiglia in Italia negli ultimi 30 anni
Più aperta, tecnologica e attenta all’ambiente. La famiglia in Italia si è trasformata negli ultimi 30 anni, seguendo l’evoluzione della società. Ce lo racconta la ricerca “Modern family: dal 1989 a oggi com’è cambiata la famiglia in 30 anni”, commissionata da BNP Paribas Cardif in occasione dei suoi 30 anni di attività in Italia e condotta dall’istituto di ricerca Eumetra MR. Innanzitutto, il nucleo familiare si è ristretto ma ha comunque mantenuto legami forti. Il numero medio dei componenti è di circa tre persone e, per quanto riguarda i figli, ben quattro nuclei su dieci non ne ha. Sono aumentati sensibilmente i single (+110%) e i matrimoni sono crollati del -40,5% a favore della convivenza. Eppure, per gli italiani la famiglia continua a essere un punto fermo e sicuro su cui si può sempre contare, con un reciproco scambio di attenzioni e cure.
Anche la tecnologia si è adattata al concetto di modern family. Ben 7 famiglie su 10 posseggono almeno 6 dispositivi: smartphone e pc portatili sono presenti in quasi tutte le case ed è alta anche la presenza di tablet, smart Tv o console per videogiochi. La tecnologia viene utilizzata in condivisione con altri membri della famiglia, soprattutto per vedere film e serie Tv o per ascoltare musica.
La famiglia di oggi si mostra decisamente più sensibile alle tematiche della sostenibilità: oltre ad effettuare la raccolta differenziata (69%) e a mettere in atto azioni per ridurre gli sprechi (67%), le famiglie sono attente ai prodotti che rispettano l’ambiente (43%) o a km 0 (40%). E proprio l’ambiente è una delle principali preoccupazioni della famiglia moderna, insieme al lavoro, alla sicurezza e alla sostenibilità economica futura.

La squadra BNP Paribas CIB  vince agli ICA 2019
Lo scorso anno il mercato italiano dei certificati d’investimento si è confermato in ottima salute. Il contesto di tassi bassi e maggior volatilità dei mercati azionari ha offerto numerosi vantaggi per operazioni di trading (certificati a leva) ma anche per investitori (certificati d’investimento). Sono state oltre 2.000 le emissioni entrate in quotazione sul secondario (al terzo trimestre del 2019) e ancora una volta sono i prodotti a capitale condizionatamente protetto ad evidenziare la percentuale maggiore con oltre l’80% delle emissioni. Anche nel 2019 BNP Paribas Corporate & Institutional Banking (CIB) si è confermata protagonista assoluta del mercato italiano dei certificates come testimoniato dai prestigiosi riconoscimenti ottenuti agli Italian Certificates Awards 2019. L’iniziativa annuale organizzata da Triboo e Certificati e Derivati, arrivata alla 13esima edizione, si propone di premiare l’eccellenza nell’ambito dei prodotti e dei servizi finanziari, oltre che le più importanti iniziative finalizzate a migliorare l’education degli investitori e la trasparenza dei prodotti strutturati emessi in Italia.
BNP Paribas ha raccolto ben cinque riconoscimenti a conferma del grande lavoro di innovazione e sviluppo svolto e delle sue competenze nell’offerta di soluzioni in grado di soddisfare le diverse esigenze degli investitori. Spicca l’ambito premio del ‘Certificato dell’Anno’, assegnato all’Athena Double Relax Bell su Basket di azioni worst of composto da AT&T e Vivendi. A contraddistinguere il certificato premiato è l’opzione per rimborsare anticipatamente il capitale anche nel caso in cui in un qualsiasi giorno entrambi i titoli siano al di sopra del 105% dello strike. Entrambi i titoli hanno fatto segnare rialzi superiori al 5% dello strike attivando il rimborso anticipato alla prima data (lo scorso luglio).
La squadra BNP Paribas vanta 650 emissioni all’attivo nel periodo considerato dalla giuria ICA 2019, proponendo un’ampia diversificazione a livello di strutture e coprendo l’intera gamma di prodotti Investment e Leverage. La giuria del Certificate Journal ha messo in evidenza come il sito di BNP Paribas CIB è costantemente aggiornato con schede prodotto sintetiche e brochure informative e offre l’aggiornamento costante dei prezzi dei prodotti e dei sottostanti. Tratto distintivo sono anche le diverse le iniziative in corso, dalle commissioni zero con diversi Broker allo Smart Trade realizzato in collaborazione con Directa. “Questi importanti premi – ha rimarcato Andrea Magnani, responsabile del team Distribution BNP Paribas CIB – confermano ancora una volta la solidità e la qualità del nostro lavoro e della nostra offerta dedicata al mercato italiano. È un riconoscimento alla nostra capacità di innovare e interpretare i bisogni attuali e futuri degli investitori, oltre che una conferma della competenza e capacità del nostro team di progettare soluzioni originali e interessanti in contesti di mercato sempre più complessi e sfidanti”.

Scarica il numero completo di Un mese di Borsa